Santorini Vulcano

IL Vulcano di Santorini

isola vulcanicaIl vulcano Kouloumbos di Santorini è un vulcano sottomarino attivo che si trova alla distanza di circa 6,5 chilometri a nord-est dell'isola, ed appartiene all'arco vulcanico dell'Egeo Meridionale.
E' diventato famoso a causa dell'eruzione avvenuta il 27 settembre 1650.
La colata lavica ha formato allora una piccola isola, che a causa del lavorio del mare è in seguito crollata, provocando un forte tsunami che ha causato danni fino a 150 chilometri di distanza.
Oggi il vulcano è alto 280 metri rispetto al fondale circostante e giace a circa 18 metri sotto il livello del mare. Il cratere ha un diametro di 3 km e una profondità di 512 metri. In una vasta area intorno al vulcano sono stati identificati pozzi idrotermali da cui sgorga acqua calda fino a 220°C ricca di minerali che ospitano un raro ecosistema di batteri filamentosi.

L'area di Koloumbos forma una piccola insenatura. A circa 6 km a nord si trova il cratere sottomarino creatosi durante l'eruzione del 1650 DC.
Dopo l'esplosione, che all'epoca provocò 50 morti, più la scomparsa di molti animali e gravi danni alle colture agricole, la popolazione costruì il tempio di “Nostra signora del Bene” come speranza di un futuro senza più drammi simili.
Su quel tragico evento sono stati scritti racconti, versi e prose, ed un marchio di fabbrica realizzato da K. Daponte. Esistono anche lavori in prosa di un prete francese, Francois Richard, che ha raccolto descrizioni di quel tragico avvenimento alcuni anni dopo.
L'ultima attività vulcanica è stata registrata nel 1950 ed in futuro sono previste altre eruzioni.
I vulcani di Santorini sono: Nea Kameni (1707-1711 DC), il Palea Kameni (46-47 DC), il vulcano sottomarino Columbia (1650 DC), le Isole Christiana.
Santorini fa parte dell'arco vulcanico del Mar Egeo, con diversi focolai attivi, come le vicine isole di Methana, Milos e Nisyros.

vulcano di Santorini